top of page

ACQUA, CELLULE E VITA... 1 parte



Voglio parlare di dove prendiamo la nostra energia? È ovvio che ricaviamo molta energia dal cibo, ma introdurrò l’idea che otteniamo energia aggiuntiva anche dalla luce.


Perché sto sollevando questa domanda? ...Perché voglio vedere insieme il processo che la natura utilizza per fornire energia...attraverso la luce!!!




Ogni organismo/meccanismo cellulare sintetizza una qualche forma di luce e la converte in energia chimica. Questa energia chimica guida tutto ciò che fa un organismo cellulare: metabolismo, crescita... qualunque cosa faccia. E tutta questa funzione viene svolta attraverso l'acqua... e la luce.


L'acqua reagisce alla luce e si divide in ioni positivi e negativi. Questa è la prima fase della fotosintesi e, ripeto, è alimentata dalla luce. Quindi si può dire che la luce crea una sorta di batteria con più e meno. La domanda è: usiamo la luce per creare energia nelle nostre cellule….

Qui proverò a mostrarti che in realtà lo facciamo. Un processo naturale nella prima fase della fotosintesi è la scissione dell'acqua in ioni negativi e positivi. E così:


Tutti sanno che il corpo è costituito principalmente da acqua.

Quando l'acqua incontra determinati materiali idrofili o amanti dell'acqua, si diffonde sulla superficie invece di rompersi, come ad esempio su una superficie metallica che è un mezzo non amante dell'acqua. Le molecole d'acqua vengono quindi separate in positive e negative, con il negativo disposto linearmente accanto al materiale idrofilo, e questa è acqua caricata negativamente. In realtà si trasformano in una fase diversa dell'acqua che si trova all'interno della cellula e le molecole caricate positivamente vengono estratte dalla cellula


Quest'acqua non è nemmeno H20, anzi è... H302. È la quarta fase dell'acqua, che va oltre lo stato solido, liquido o vapore dell'acqua. Questa quarta fase è acqua semicristallina e si trova nella... chiamiamola zona di esclusione.


Cos'è una zona di esclusione? Una zona di esclusione significa che quando questa fase dell'acqua si accumula, spinge fuori tutto ciò che si trova all'interno dell'acqua: solidi, particelle, qualunque cosa. Quindi in pratica questa "spinta" di energia funziona esattamente secondo il principio di qualsiasi batteria. E tutte le batterie, ovviamente, devono essere cariche.


La domanda è: da dove viene l'energia per caricare la batteria?


La risposta arriva quando facciamo esperimenti che vanno oltre ciò che è descritto nei libri di testo, allora vengono alla luce cose davvero interessanti: quando un materiale idrofilo viene posizionato vicino all'acqua e illuminato con una fonte di luce, accade qualcosa di veramente sorprendente: a causa dell'illuminazione , la zona di esclusione si sta espandendo, ed estremamente.


E quando la sorgente luminosa viene rimossa, ritorna alla sua forma originale, ovvero una sottile striscia di molecole d'acqua negative che corre parallela alla superficie: la luce è responsabile dei fotoni che hanno il compito di fornire l'energia per far crescere l'area in domanda sullo spegnimento.

Quando sperimentiamo diverse lunghezze d'onda della luce, che vanno dall'ultravioletto alla luce infrarossa, scopriamo che la luce infrarossa è la più efficace. La luce infrarossa è in realtà ovunque. È difficile liberarsene.


È energia gratuita...letteralmente gratuita. Non costa un centesimo. Lei è lì, ovunque.


Quindi questa funzione, questa separazione di carica indotta dalla luce, viene utilizzata anche dal corpo/cellule per ottenere energia elettrica dall'interazione tra luce e acqua.


Quindi: proprio come l'acqua si comporta come una batteria alimentata dalla luce, le vostre cellule funzionano allo stesso modo... come una batteria alimentata dalla luce.


Pensiamo ora alla cellula e a cosa c'è al suo interno utilizzando il modello sopra: all'interno della cellula ci sono grandi macromolecole, principalmente proteine, e queste proteine hanno superfici idrofile. E ovviamente c'è acqua nella gabbia... tantissima acqua. Quindi… quello che succede è che si creano delle zone di esclusione nelle cellule che producono l’acqua che ha carica negativa, l’H302 in questione


Le cariche positive vengono "spinte" fuori dalla cella, quindi in effetti le cariche negative praticamente riempiono la cella... e lì le cariche negative sono vicine tra loro e quindi si respingono a vicenda, essendo questa tendenza repulsiva l'energia potenziale. Questa energia potenziale viene rilasciata sotto forma di proteine mal ripiegate. Hanno una configurazione iniziale che svolge una funzione specifica e poi ritorna nella posizione originale.

Ad esempio, se si tratta di una cellula muscolare, le proteine che si trovano in una configurazione si sposteranno in un'altra. Ed è proprio questo che è responsabile della contrazione delle cellule muscolari, che permette ad esempio di saltare... ma non meno importante è il processo di riportarle alla loro forma/configurazione originaria.

E ancora: il funzionamento di questo processo è il seguente: la tipica proteina nella sua forma allungata si crea e galleggia nell'acqua, la quale, secondo i meccanismi sopra descritti, cambia il suo stato... il processo corretto è una corretta "metamorfosi" biochimica di acqua, dove la corretta configurazione dell'acqua "ordinaria" e dell'acqua negativa/strutturata consente alle proteine, che sono un elemento fondamentale del corpo umano, di "ripiegarsi" e poi, nella maggior parte dei casi, ritornare alla loro posizione originale. A questo punto, nel mondo accademico è noto che le "proteine mal ripiegate" sono la causa delle malattie, e tutte sono causate dalla mancanza di energia adeguata!!! Quindi è importante utilizzare la biochimica delle cellule non solo per "piegarsi" ma anche per "spiegarsi"!!!!


Torniamo alla cella:

Se non ha acqua "negativa", o un po' di acqua negativa creata dalle zone di esclusione, funziona, ma non bene e sicuramente non a pieno regime (questa è la vita del 98% della popolazione terrestre).


Aggiuntivo: All'interno della cellula ci sono strutture chiamate mitocondri/membrane che sono conosciute come la fabbrica di energia della cellula e sono le centrali per la produzione di energia….. Come si inserisce questo sullo sfondo di ciò che ho presentato finora? Queste membrane/mitocondri all'interno della cellula sono superfici idrofile!!!!!


Quanto sopra è la configurazione ideale per produrre acqua caricata negativamente (attraverso la zona di esclusione) e fornirla al resto della cella per produrre energia. Allora da dove prendiamo l’energia? Bene, la otteniamo dal cibo, e ovviamente possiamo ottenere una certa quantità di energia in determinate circostanze, ma la otteniamo anche dalla luce, e la luce viene assorbita dall'acqua.


La luce è importante per il funzionamento e quindi per la salute. L'acqua è importante per il funzionamento e quindi la salute delle cellule.


E così …. cosa crea acqua "negativa" nelle tue cellule?

Cosa dovremmo fare? Per cominciare: conosci le tue possibilità che ti sono state regalate… il meccanismo è dentro di te!!! Cosa dovremmo fare? Sul modello che utilizzi attualmente, non molto...


Minimo? Cerca il sole in misura ragionevole e non avvolgerti nelle creme ampiamente consigliate per proteggerti dai raggi nocivi del sole.


Inoltre? Ebbene... il cuneo si rompe e quindi è necessario "riparare" le proteine ripiegate nel corpo in modo che possano essere di nuovo elastiche e riacquistare la capacità di ritornare alla loro forma spiegata...









1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page