top of page

RIMUOVERE IL CANCRO?

Cos'è il Trofoblasto e la sua relazione con il Cancro!!!



Prima di tentare di affrontare il cancro, dobbiamo capire come e perché il cancro rimane "non rilevato" per lungo tempo e perché quando viene già rilevato è "tardi" e richiede una terapia aggressiva che danneggia l'organismo nel suo complesso. invece di "guarisce".



Come prestito, il corpo ha un esercito di miliardi di globuli bianchi (collettivamente chiamati leucociti), una delle loro funzioni principali è quella di attaccare e distruggere qualsiasi cosa estranea, dannosa o pericolosa per il corpo.


Quindi sembra logico che attacchino anche le cellule tumorali, giusto? Ma sappiamo già che ciò non accadrà. Uno dei motivi principali è che il cancro (cellule tumorali) possiede tutte le caratteristiche di un trofoblasto e le cellule del trofoblasto sono ben note al corpo fin dalle sue origini cellulari assolute (che verrà spiegato di seguito).


Poiché le cellule del trofoblasto in questione fanno parte del ciclo vitale (sono pre-embrionali), la natura le ha rese “invisibili” ai globuli bianchi: le cellule del trofoblasto sono avvolte da un sottile strato grasso-proteico che trasporta una carica elettrica negativa , è la stessa carica che portano anche i globuli bianchi: negativa. Come sappiamo, due polarità identiche si respingono, motivo principale per cui il trofoblasto rimane ben protetto e invisibile ai globuli bianchi.


Capiamo cos'è il trofoblasto:


Le cellule del trofoblasto sono cellule pre-embrionali specifiche che sono assolutamente normali nelle prime fasi della gravidanza. La cosa interessante qui è che durante la gravidanza, la cellula del trofoblasto ha il comportamento di una cellula cancerosa: il trofoblasto si moltiplica rapidamente, "mangiando" la parete uterina, facendosi strada e preparando un posto per il futuro embrione, che si attaccherà all'utero e ricevere da lei protezione e sostentamento.


Il trofoblasto si forma a seguito di una reazione a catena con un'altra cellula chiamata cellula diploide totipotente, per i nostri scopi chiameremola cellula della vita totale, poiché contiene in sé tutte le caratteristiche individuali dell'intero organismo e ha la capacità trasformarsi in qualsiasi tipo di tessuto o organo, nonché in un embrione a sé stante.


Circa l’80% di queste cellule vitali totali si trovano nelle ovaie o nei testicoli, dove fungono da serbatoio genetico per la futura prole. Il resto è distribuito in tutto il corpo e partecipa attivamente alla rigenerazione e alla guarigione dei tessuti danneggiati, che avviene nel modo seguente: traumi di qualsiasi origine, siano essi tessuti danneggiati, traumi fisici, reazioni chimiche o malattie, portano ad un aumento dei livelli di estrogeni , il cui ruolo è quello di fungere da stimolatore o catalizzatore dei processi di guarigione nel corpo.


È un fatto scientifico noto (o forse no) che, non appena entra in contatto con gli estrogeni, questa cellula della vita totale entra in overdrive producendo trofoblasto, e quando anche il trofoblasto entra in contatto con gli estrogeni, questo spesso porta alla formazione di cellule maligne. Vedete la connessione estrogeni-trofoblasto-cancro?


Quando inizia la formazione delle cellule tumorali, l’organismo reagisce cercando di isolarle dal resto incapsulandole/avvolgendole con tessuti. Il risultato più comune è la formazione del cosiddetto nodulo.


Viste al microscopio, la maggior parte di queste formazioni sembrano un ibrido tra un trofoblasto e le cellule circostanti. La cosa interessante qui è che man mano che lo sviluppo del cancro progredisce, le formazioni in questione iniziano sempre più ad adottare le caratteristiche/comportamenti classici di un trofoblasto (che


automaticamente significa anche ben protetto dal rilevamento dei globuli bianchi). Ad esempio, le cellule anche del più maligno di tutti i tumori: gli epiteliomi, sono indistinguibili dalle cellule trofoblastiche.


Possiamo “spogliare” il trofoblasto o le cellule tumorali del loro rivestimento proteico protettivo e renderle vulnerabili ai globuli bianchi? Ovviamente !!! Parte della soluzione si trova nel pancreas, che secerne degli enzimi, tra cui ne segnaliamo uno in particolare chiamato trypsin.


Un trattamento ideale dovrebbe combattere solo le cellule maligne senza influenzare le cellule sane o aumentare il rischio di formazione di nuovi tumori.


Per poter combattere efficacemente una malattia oncologica, le cellule tumorali devono assolutamente essere riconosciute dai globuli bianchi. Altrimenti, il “trattamento” è limitato alle chemioterapie e alle radioterapie convenzionali, che sono note per distruggere spesso sia le cellule cancerose che quelle normali e che portano a terribili effetti collaterali.








1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page