top of page

LUCE, MINERALI, ELETTRICITÀ E... VITA, parte 2



Per prima cosa voglio dire che ciò di cui vi parlerò oggi è la mia migliore interpretazione di ciò che accade nel corpo con l'acqua che coopera con la luce per fare cose magiche.


Voglio iniziare con una piccola metafora. Se guardi un insediamento, le strade collegano le case tra loro.



Le persone possono viaggiare e consegnare merci. Ma ci sono anche linee elettriche alle estremità di molte strade. Non li vediamo, ma ovviamente forniscono elettricità a tutte le case.


Quando entri in casa, vedi i muri. Forniscono la struttura della casa. Ma le linee elettriche entrano e passano attraverso questi muri. Vanno alla presa dove il computer è collegato e caricato. Lo dai per scontato.

Le pareti forniscono la struttura, ma forniscono anche il percorso dell'elettricità fino alla presa e quindi ai tuoi dispositivi. Qualcosa di simile accade nel corpo. Il corpo, ovviamente, ha questa enorme rete circolatoria che trasporta beni, porta via i prodotti di scarto, fa molte cose importanti per il corpo, ma è anche un'alimentazione per il circuito elettrico del corpo. E ogni singola cellula ha un citoscheletro. Gli dà struttura, gli dà forza affinché non si “schiaccia”.


Ma il citoscheletro è anche una fonte di elettricità. L'elettricità che proviene dalla rete passa attraverso le fibre del citoscheletro per fornire elettricità all'interno della cellula. Nel diagramma semplificato di una cellula, puoi vedere la carica più muoversi lungo questi percorsi citoscheletrici. Questi sono protoni che provengono dall'esterno.


Ma chi mette a disposizione questi protoni? Questa è acqua strutturata. Circonda la cellula che lavora molto duramente per mantenere quest'acqua strutturata. E quando c'è la luce del sole, cresce e questo gli porta più energia. Le cariche positive si raccolgono sul bordo, al confine tra l'acqua strutturata e l'acqua non strutturata all'esterno.


Vengono diretti in queste piccole "caverne" e poi portati nel citoscheletro e forniscono una carica positiva a determinati organelli della cellula che ne hanno bisogno. Uno di questi è il lisosoma. I lisosomi devono essere estremamente acidi per poter svolgere il loro lavoro. Il loro compito è ripulire i rifiuti molecolari. È molto importante eliminare la 'spazzatura' (che è negativa) poiché attrae i protoni che hanno un segno più e quindi ottengono un PH sempre più basso.


Se quel circuito elettrico non fornisce abbastanza protoni, non possono svolgere il loro lavoro. Si accumulano detriti e si verificano stati patologici, uno dei quali è il morbo di Alzheimer causato dalla placca beta-amiloide.


Questo processo provoca anche la separazione della carica che crea una "batteria". E quello che succede è che la cellula usa quei protoni per entrare nel citoscheletro per fornire una carica positiva, e gli elettroni (che sono caricati negativamente) rimangono all'interno dell'acqua strutturata e forniscono energia per un altro scopo molto importante, la sintesi dei solfati.


Ogni cellula 'decora' il suo esterno con molti solfati che sono attaccati agli 'zuccheri' della matrice extracellulare esterna alla cellula. Questi solfati sono davvero importanti per mantenere l'acqua strutturata. Sono prodotti dall'energia che l'acqua strutturata crea quando reagisce alla luce, e quindi supportano l'acqua strutturata. Quando questo sistema crolla, accadono molte cose brutte.


Immaginiamo un'immagine di globuli rossi che passano attraverso un capillare. Sono molto affollati nel capillare... molto stretti. Si "decorano" con solfati all'esterno della cellula e si riforniscono di quel solfato mentre passano attraverso il capillare, quindi lo "scartano" con una carica negativa.


Questa carica negativa si accumula sulla parete capillare. È molto interessante perché quando arrivano alla vena e perdono la loro carica negativa, creano una "batteria" tra l'arteria e la vena che spinge i globuli rossi attraverso il capillare perché sono attratti dal lato venoso, che è attratto dal catodo. Questo processo "allunga" i globuli rossi in modo che il cuore non debba lavorare così duramente per pompare. Inoltre, questi strati, questi strati di solfato sulla parete dei capillari sono molto "scivolosi". La "gelatina" dei globuli rossi può semplicemente scorrere quasi senza attrito attraverso il capillare.


Quando questo processo viene interrotto, il globulo rosso si "blocca" e si verifica una situazione di assenza di flusso di energia/elettricità. Quindi, in pratica, questo cambiamento di voltaggio creato dal globulo rosso stesso spinge effettivamente il globulo rosso stesso attraverso il capillare e fa sì che il sangue scorra correttamente.

La parete dell'estremità capillare delle arterie rilascia ossido nitrico. L'ossido nitrico è molto importante per il sangue perché rilassa i muscoli e permette al sangue di fluire. È quindi molto interessante che quando un globulo rosso si muove, provoca il rilascio di ossido nitrico, che favorisce ulteriori movimenti. Processo davvero interessante.


La carica negativa attorno ai globuli rossi è in realtà colesterolo solfato.


Il colesterolo è una parte importante dell’azione dei solfati. Il globulo rosso ha queste molecole di colesterolo nella sua membrana e il solfato fuoriesce. Questo gli conferisce una carica negativa. E mentre attraversa la cellula, espelle queste molecole di colesterolo solfato. Saltano dall'altra parte e vanno alle cellule endoteliali, fornendo loro sia colesterolo che solfato.


Le molecole di solfato sono circondate da diverse cellule endoteliali e hanno anche piccoli glicosamminoglicani complessi nella loro matrice extracellulare. Questi sono piccoli "fili" legati al solfato. È ciò che mantiene quell'acqua strutturata che fa funzionare tutto così bene nel corpo.

I protoni si raccolgono poi all'interno della cellula, creando una batteria all'interno dell'acqua strutturata stessa che fornisce energia alle cellule. Il colesterolo solfato fornisce ossigeno, zolfo, energia del colesterolo e carica negativa a tutti i tessuti. Il solfato ha molecole povere di ossigeno.


E questo è un altro modo in cui i globuli rossi possono fornire ossigeno ai tessuti. Questo ossigeno si lega all'emoglobina, ma in realtà può essere fornito sotto forma di solfato. Il solfato viene sintetizzato nella pelle, nei globuli rossi e nelle piastrine, utilizzando l'energia della luce solare.

Osserva le vene sul dorso della mano e tienile esposte alla luce del sole.

Produrranno molto solfato, che si combinerà con il colesterolo per produrre il colesterolo solfato. Questo renderà le tue cellule molto felici. Quindi la pelle è una batteria alimentata dall’energia solare. Siamo in grado di utilizzare la luce solare per ottenere energia, proprio come fanno le piante. Ma lo facciamo in questo modo molto diverso. Abbiamo un sistema nervoso. Le piante non ne hanno uno. Usano la luce solare in un modo molto diverso.


La mancanza di colesterolo e solfati nel sangue e nei tessuti è spesso la causa di alcune delle malattie moderne.


Ho esaminato molte malattie moderne e ho visto che in molti casi il corpo attacca un determinato organo o sistema di organi per eliminare il solfato presente e immetterlo nel sangue. Quando il sangue scarseggia, se il sangue non scorre, il corpo non funziona. Quindi questa diventa la priorità numero uno per i vari organi che vengono “sacrificati” per raggiungere l'equilibrio, e questo spiega alcuni tipi di malattie.

I sulfamidici hanno molte dipendenze. Dipende dalla vitamina B12, come la cobalamina. Ciò significa che dipende dal cobalto. Dipende dal ferro perché ha un gruppo eme. Dipende, ovviamente, dallo zolfo.


Consiglio:

Esci alla luce del sole, ma come si deve!!!








1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page